mercoledì 10 aprile 2013

Addio alla lady di ferro

La signora Thatcher, la lady di ferro è morta.
Dire che ha rovinato il Regno Unito è poco, a mio avviso a contribuito a rovinare l'Europa in senso lato.
Ma di fronte alla morte non si può portare rancore e, per esaudire la sua voglia di liberismo/capitalismo sfrenato c'è chi vorrebbe farle un ultimo regalo: privatizzare il suo funerale, concederne i diritti (magari anche tv) al migliore offerente per salutarla come lei avrebbe voluto.

Di seguito un pezzo (di Isabella Borghese, controlacrisi.org) interessante a riguardo, e con qualche cenno storico, interessante per chi non la conoscesse:

Loach: "La Thatcher? Privatizziamo il suo funerale! Mettiamolo sul mercato, accettiamo l'offerta più economica!"

Sulla morte della cosidetta "Lady Ferro" si sta dicendo molto. A un giorno dalla sua morte, con i suoi funerali che saranno tra dieci giorni, davanti alla parole di un Putin che l'ha definita "Una grande figura politica, rigorosa diretta e coerente, di cui conserverò un ricordo positivo", ci piace ricordare quelle più forti e più vicine ai lavoratori, agli operai, e sono quelle di Ken Loach: "ll modo migliore per onorare Margaret Thatcher? Privatizziamo il suo funerale. Lo mettiamo sul mercato e accettiamo l'offerta più economica. È quello che avrebbe voluto. Del resto, le parole di Loach spiegano molto di più, non si fermano a quella che può sembrare una battuta. "La disoccupazione di massa - ha continuato - la chiusura di fabbriche, le comunità distrutte: questa è la sua eredità. Era una combattente e il suo nemico era la classe operaia inglese. Le sue vittorie sono state aiutate dai capi politici corrotti del Partito laburista e di molti sindacati. È a causa di politiche avviate da lei che siamo in questo casino oggi".

Va da sé allora che accanto alle parole di Ken Loach passiamo in rassegna il punto di vista dei minatori inglesi che, ad oggi, non vedono altro, nella morte della Thatcher che un motivo di grande festa.
"Sono felice - si è espresso David Hopper, il responsabile per il Nord-est dell'Inghilterra della Num, Sindacato dei minatori inglesi - I minatori stanno cercando di organizzare una festa in coincidenza del giorno del suo funerale.

"Ha fatto più male nel Nord-est di chiunque altro - ha poi aggiunto - e non lo ha fatto solo alle miniere di carbone: ha iniziato a distruggere i sindacati, decimato l'industria, distrutto la nostra comunità. Oggi l'Inghilterra è costretta ad importare 40 milioni di tonnellate di carbone l'anno, è scandaloso. E sul funerale... Non ci saranno molte lacrime: molti guarderanno la cerimonia in tivù, ma come si guarda il calcio".

Anche la reazione di Ken Livingstone, dal 2000-2008 sindaco laburista di Londra sono state chiare, nella stessa direzione, anche più forti se vogliamo: "Le politiche di Margaret Thatcher erano fondamentalmente sbagliate. Ha provocato l'odierna crisi degli alloggi, ha prodotto la crisi delle banche e quella dei sussidi pubblici». È poi Gerry Adams a ricordare un altro dolorosissimo capitolo di quegli anni: "

"Margaret Thatcher - ha aggiunto Gerry Adams, leader repubblicano dell'Irlanda - ha causato grande sofferenza all'Irlanda. Ha provocato grande dolore agli irlandesi e ai britannici, la classe lavoratrice è stata devastate dalle sue politiche.

"Da poche ore e' morta Margaret Thatcher e gia' e' in corso il processo di santificazione - si è espresso ieri Paolo Ferrero, Segretario Nazionale di Rifondazione Comunista - Invece va detto con forza che il mondo senza di lei sarebbe stato decisamente migliore. Animata da un enorme odio di classe, ha operato con determinazione per distruggere il movimento operaio inglese e i minatori in particolare. Nel giorno della sua morte - ha aggiunto - i media dovrebbero parlare dell'enorme sofferenza individuale e sociale che ha determinato con le sue politiche, della dignita' di quelle centinaia di migliaia di minatori che per un anno, dal 1984 al 1985, fecero il piu' lungo sciopero dell'eta' moderna per opporsi al proposito fascista della Thatcher di far fuori i minatori attraverso la chiusura arbitraria delle miniere. È morta l'amica di Pinochet, una delle piu' grandi nemiche dei lavoratori, della liberta' e della
giustizia di tutti i tempi".





Nessun commento:

Posta un commento