domenica 21 ottobre 2012

Telecom è pur sempre Telecom

Dopo aver provato a telefonare a Tiscali, dopo aver inviato loro una mail e un fax, gli ho inviato una raccomandata. L'hanno ricevuta, ma non mi hanno risposto ne contattato in nessun modo. Dopo tre mesi ancora non ho la linea telefonica, ho desistito: gli starò antipatico e non mi vogliono come cliente, pazienza, però potevano dirmelo.

Lunedì passato ho chiamato il 187 (servizio clienti Telecom), 20 secondi di attesa e ho parlato con l'operatore, due minuti per parlare del tipo di contratto che volevo stipulare. Martedì mi hanno richiamato per fissare l'appuntamento col tecnico per venerdì. Venerdì non potevo e abbiamo optato per domani pomeriggio. Al telefono mi hanno garantito che da domani sera sarò in grado di navigare.

Questa è la differenza tra Telecom e Tiscali: a fronte di pochi euro mensili di differenza (non vi fate abbindolare, il canone dovete pagarlo con QUALUNQUE operatore), con Telecom si può navigare (cosa abbastanza rilevante) e si può parlare con qualcuno al servizio clienti. Il risparmio in termini economici con Tiscali, ammesso che qualcuno riesca ad ottenere i loro servizi, è di circa 35 euro l'anno, circa 100 i primi due anni se si è disposti a pagare con RID o carta di credito, accettando però clausole molte vincolanti ed onerose in caso di disdette anche parziali nel medio periodo. Il gioco non vale la candela, ho disdetto Telecom circa 5 anni fa, ho provato Vodafone, Fastweb, Tre, Infostrada e per ultimo ho provato a provare Tiscali, risparmi irrisori a fronte di servizi scadenti se paragonati ad Alice.

A breve pubblicherò un post con i dettagli di tutti gli operatori che ho testato personalmente con le mie esperienze.
Telecom è sempre Telecom....

Nessun commento:

Posta un commento