venerdì 10 febbraio 2012

Cani e leggi regionali

Quanti di voi hanno mai visto sull'ingresso dei negozi-supermarket-alimentari-bar il cartello "Noi qui non possiamo entrare"?

Bene, sappiate che se quando lo avete visto eravate in Toscana, quel divieto potrebbe essere illegittimo.

Legge Regionale 59/2009, art. 21:

     "I cani, accompagnati dal proprietario o detentore, hanno accesso a tutti gli esercizi pubblici e commerciali nonché ai locali ed uffici aperti al pubblico presenti sul territorio regionale"


Ero da molto alla ricerca di questo testo, e la ricerca è terminata grazie a RV che ha posto alla mia attenzione il seguente articolo apparso su La Repubblica. Nello stesso articolo si legge, al comma 4, che il gestore può adottare misure restrittive, ma solo previa comunicazione al proprio sindaco. 


A pensar male si fa peccato ma spesso ci s'azzecca: pensate che tutti i commercianti che abbiano esposto tale divieto abbiano preventivamente comunicato la loro richiesta? A Firenze, per esempio, no. L'articolo del noto quotidiano nazionale informa che in tutto il capoluogo mediceo solo un ristorante e quattro alberghi hanno ottenuto LEGALMENTE il permesso di tenerli alla porta, mentre basta girellare per la città per accorgersi che sono a decine quelli che disconoscono o fanno finta di disconoscere la legge regionale.
E in Val di Cornia? Sono tutti legittimi?
Vedremo...



Nessun commento:

Posta un commento